martedì 13 novembre 2012

DIY portavivande



Dicono che fare uno spuntino a metà mattina faccia bene, per non arrivare a pranzo (alle 14.45 dalle nostre parti!) con una fame da lupi che poi spinge a ingurgitare qualunque cosa, meglio se appetitosamente ultra calorica. Dicono che lo spuntino debba essere leggero: frutta fresca o secca, yogurt ... e si dovrebbe fare una pausa durante il lavoro, da dedicare a questo.




Dico questo perché ho deciso, per la millemillesima volta, di mettermi a dieta, nel senso più nobile del termine e cioè di seguire una sana e corretta alimentazione. Dovrò "da domani" bere più acqua, mangiare più lentamente, niente dolce dopo cena, usare meno sale, non soffriggere e ... non arrivare a pranzo con la fame da lupi!




E per portarmi lo spuntino in ufficio, ecco un eco-portavivande all'insegna del riciclo estremo: scatola delle uova, colla vinilica e ritagli di stoffa. Più tempo a dirsi che a farsi.




Che dite, ce la farò a virare decisamente verso un corretto regime alimentare, proprio in piena crisi da voglia compulsiva di dolci e carboidrati? ; )))



4 commenti:

  1. Favoloso cara Tiziana cosi' si fa!buon lavoro!

    RispondiElimina
  2. Ma certo che puoi farcela! E' questione di abitudine e visto che portavivande è pronto, basta solo ricordarsi di meterci dentro lo spuntino :)

    RispondiElimina
  3. uhmmm.....beh, questo portavivande, però, fa venire una voglia enrome di dolcezza!! è bellissimo!!!

    sul mio blog c'è un pensierino per te!
    *sorrisi*
    etta
    http://patapummcreations.blogspot.it/

    RispondiElimina